5G e Wi-Fi 6 miglioreranno la tua esperienza di Smart Working

Nel giro di poche settimane, gran parte del mondo è passato allo smart workin o alla scuola da casa per rallentare la diffusione del coronavirus.

Con così tanti strumenti di telelavoro ora disponibili, il mondo era meglio preparato alla transizione di quanto non sarebbe stato nei decenni passati. Ma ciò non significa che sia stato un processo perfetto. Le connessioni Wi-Fi messe a dura prova dalle famiglie che provano a condividere l’home office, le videochiamate che si bloccano e pixelano e i download lenti di file di grandi dimensioni sono tutti problemi comuni dello smart working.

Sebbene siano ancora a pochi anni dalla diffusione e dall’adozione diffusa, le tecnologie di connettività di prossima generazione, 5G e Wi-Fi 6, offrono speranza per una migliore esperienza di lavoro in remoto.
Il vantaggio più ampiamente discusso di queste nuove tecnologie sono le velocità significativamente più elevate. Ciò significa aspettare alcuni secondi – anziché, a volte, minuti – per quell’enorme foglio di calcolo o file di immagine HD che il tuo capo ha appena inviato per scaricare e aprire. Le velocità più veloci miglioreranno anche la qualità delle riunioni dello staff di video online.
Ci sono anche altri vantaggi. Le nuove tecnologie forniranno una latenza molto più bassa, che è il tempo impiegato da un dispositivo per comunicare con un server e ottenere una risposta. Ad esempio, il tempo che intercorre tra la pressione di invio su un’e-mail e il momento in cui il computer del collega registra il nuovo messaggio sarà praticamente zero.
Questi nuovi benefici avranno implicazioni non solo per lavorare in remoto, ma anche per altre attività, come le visite mediche a distanza.

“Il concetto sia dell’alta velocità di avere conversazioni faccia a faccia reali senza alcun buffer, sia di informazioni istantanee con bassa latenza è importante per cose come i pazienti cardiaci, che hanno bisogno di tradurre aggiornamenti medici in tempo reale sul proprio medico e ricevere assistenza “, Ha dichiarato Max Silber, vice presidente della mobilità presso la società di servizi di rete MetTel.

Le velocità elevate e la bassa latenza sono buone, ma è anche fondamentale che le connessioni di rete siano costanti e affidabili, ha affermato Muriel Médard, professore di ingegneria elettrica al Massachusetts Institute of Technology.

Gli standard tecnologici 5G sono scritti in modo tale da consentire ai nuovi dispositivi di connettersi simultaneamente alle reti Wi-Fi e alle reti cellulari. Attualmente, i telefoni sono progettati per richiedere agli utenti di spostarsi tra la rete cellulare e una rete Wi-Fi per l’accesso a Internet, a seconda di dove si trovano e dove si trova la connessione migliore. Ma in futuro, i telefoni potrebbero essere progettati per fare affidamento sul Wi-Fi ove disponibile, ma integrare con la larghezza di banda dalla rete cellulare se la connessione Wi-Fi è carente, senza richiedere l’intervento dell’utente, ha detto Mardard.

“Dovrebbe essere perfetto tra l’ufficio di casa e gli altri servizi attraverso il tuo operatore telefonico, quindi non devi passare avanti e indietro”, ha detto Mardard. “Dovrebbe fornire il miglior livello (di copertura) possibile, senza che tu debba essere coinvolto.”
E lavorare da casa è una cosa, mentre lavorare da casa insieme a tutti gli altri membri della famiglia comporta una serie aggiuntiva di sfide.

“Stiamo tutti cercando di mantenere quella relazione faccia a faccia”, ha detto Sibler. “Se i tuoi figli sono su Fortnite mentre stai provando a fare una chiamata Zoom per lavoro, l’esperienza di qualcuno soffrirà.”
5G e Wi-Fi 6 lo cambieranno. Le nuove tecnologie saranno in grado di gestire meglio più dispositivi contemporaneamente senza rallentare la connessione, qualcosa che tornerà utile se intere famiglie si ritroveranno tutte a lavorare, andare a scuola e cercare di intrattenersi di nuovo da casa.
Sebbene queste tecnologie non siano ampiamente in atto per aiutare le persone a far fronte agli attuali ordini di soggiorno a casa, molti esperti ritengono che la lezione sulla gestione delle forze di lavoro remote durante il coronavirus spingerà le aziende a consentire un lavoro più remoto anche dopo la crisi.

“La maggior parte delle organizzazioni ha sempre la tecnologia per abilitare il lavoro a distanza, ma culturalmente non ci ha avvolto la testa fino a quando non ha dovuto”, ha detto Silber. 5G e Wi-Fi 6 saranno strumenti aggiuntivi che semplificheranno il processo.

Hai bisogno di informazioni? Parla con noi su whatsapp!